CD Baby: ora anche in versione mobile



Fare un sito in versione “mobile” qualche anno fa era una moda. Che spesso ha portato a più fumo che arrosto, tra siti che non funzionavano a dovere ed un pubblico ancora piuttosto limitato.

Ora che però tra iPhone, Android e via dicendo gli apparecchi sono ormai così avanzati da quasi farci rifiutare il termine “telefonino“, ha senso tornare sul tema, e così ecco un nome storico della musica digitale che presenta una versione mobile per i propri utenti professionali (artisti ed etichette).

Quel CD Baby che in poco più di un decennio ha cambiato la faccia della musica indipendente rivoluzionando i meccanismi distributivi (e portando – tra i primi – gli artisti autoprodotti fin dentro Apple iTunes) adesso sbarca sugli smartphone. http://members.cdbaby.com/m è l’indirizzo dedicato (ma sui modelli più diffusi anche digitando members.cdbaby.com, come già si fa sul browser del computer di casa e ufficio, si verrà automaticamente reindirizzati al nuovo sito.

Per ora una cosa molto “basic”, ma che già consente ad esempio di controllare le proprie vendite di cd o se ci sono royalty in arrivo da servizi come iTunes e Spotify, serviti dal noto aggregatore/distributore musicale.

(Si ringrazia Nicola D’Agostino per la collaborazione con le immagini)

[Originariamente pubblicato sul Blog di Mytech]