Monitorando Babbo Natale



Babbo Natale esiste? Al NORAD (North American Aerospace Defense Command, l’alleanza per la difesa aerospaziale USA-Canada attiva dal maggio 1958) sembrano essere convinti di sì, tanto che questo serioso ente militare sin dalla nascita (e il suo predecessore CONAD lo faceva già dal 1955) effettua un curioso monitoraggio: il NORAD sorveglia il volo di Santa Claus attorno al mondo per la consegna dei doni (!).

L’ente afferma che i propri potenti mezzi di monitoraggio sono in grado di rilevare la partenza di Babbo Natale dalla sua residenza polare e i successivi spostamenti.

Tutto cominciò quando il comandante in capo del CONAD – il colonnello Harry Shoup – la notte di Natale del 1955 ricevette una strana telefonata da un bambino che gli leggeva le sue richieste in fatto di regali; colpa del magazzino Sears Roebuck & Co., che aveva pubblicato un “numero telefonico di Babbo Natale” invitando i bimbi a chiamare.
Il colonnello sulle prime si irritò, visto che le chiamate continuavano. Quando capì cosa era successo, prese una decisione curiosa: da quel momento un dipendente del centro di controllo avrebbe risposto alle chiamate segnalando la posizione di Babbo Natale.

Negli anni la simpatica e seguitissima iniziativa – che si regge grazie all’aiuto di volontari e di sponsor privati (l’ente non potrebbe spendere denaro pubblico per tale scopo) – ha subito cambiamenti grazie all’arrivo di nuove tecnologie: radar, satelliti, telecamere, aerei; dal 1998 la “caccia” a Babbo Natale si è spostata sul web, e oggi all’indirizzo www.noradsanta.org c’è un ricchissimo sito multilingue (anche in un italiano perfetto) con giochi e altri contenuti per aspettare il Natale, nonché un gadget iGoogle per sorvegliare il volo del barbuto vecchietto anche dalla propria pagina personalizzata sul popolare motore di ricerca (che è uno degli sponsor dell’iniziativa, quest’anno, e che ha messo a disposizione anche Google Earth).

Buon Natale, dunque, e a chi dubita dell’esistenza del buon Babbo e delle sue renne volanti, raccomandiamo di tenere d’occhio il sito del NORAD, stanotte… :)

Immagini tratte da http://www.noradsanta.org/.

Pubblicato su: http://blog.mytech.it/2007/12/monitorando-babbo-natale/