Musica on line, Passalong: donwload digitali e alternativa al p2p?



Passalong è un nome che sta facendo parlare di sé, ultimamente.
Prima la recente partecipazione al Popkomm di Berlino (per “catturare” etichette indipendenti europee da aggiungere al catalogo), poi il sito che comincia a presentare artisti anche di un certo rilievo e a generare qualche download a pagamento.

Quindi, a fine settembre la presentazione dei prodotti ai membri del Congresso Usa in una sorta di vetrina del P2p legale, organizzata da associazioni di categoria dei titolari di copyright quali Mpaa e Riaa.

In effetti, Passalong non nasce come uno dei tanti venditori di brani scaricabili, ma come una sorta di legalizzazione del peer-to-peer. In pratica pur non essendoci vero “file sharing” gli utenti comunque condividono o meglio si “passano” (ecco spiegato il nome del sito) link ai brani, segnalando ai propri amici e contatti clip sonore che poi possono – per chi interessa – portare anche a download completi a pagamento. E guadagnano “punti” per i prossimi acquisti.

Passalong però è anche vendita di brani digitali tramite Ebay; come pure si annunciano sistemi per legalizzare le reti P2p altrui, la disponibilità di concerti live in download un giorno dopo l’esibizione, e altro ancora.

Milioni di pezzi sono già stati oggetto di questo curioso “passaparola” digitale, ma al grande pubblico Passalong continua ad apparire al momento più che altro come l’ennesimo venditore di brani a 99 centesimi di dollaro; ciò – unito alle molte, forse troppe, attività in corso – rischia far passare in secondo piano l’idea alla base del servizio e anzi far apparire il tutto come una sorta di “finto peer-to-peer”.

Pubblicato su: http://mytech.it/web/2005/10/10/musica-on-line-passalong-donwload-digitali-e-alter/